Mamma Storie di mamma

Confessioni di una mamma bis: the dark side of the mum

4 ottobre 2016
confessioni-di-una-mamma-bis

Confessioni di una mamma bis

Quello che le mamme non dicono, e non si dicono, è che la nascita di una nuova vita è una suprema gioia ma ti mette di fronte all’ineluttabilità del tempo che passa. Ma vuoi mettere quale gioia sia vedergli fare dei piccoli progressi giorno dopo giorno?

Quello che le mamme non dicono è che dietro ad un sorriso mostrato a chi viene a farti visita, ci sono momenti di sconforto, solitudine paura di non essere adeguate. Ma poi ce la facciamo perchè non siamo perfette ma volenterose si.

Quello che le mamme non dicono, specie quelle che hanno subito un cesareo, è quanto sia doloroso rialzarsi subito dopo aver subito un operazione che ti ha aperto in due, quasi si dovessero scusare di non aver “partorito con dolore” ma, vi assicuro, il dolore viene dopo. E forte. Ma quella cicatrice sarà il segno più dolce che porterai sul tuo corpo.

Quello che le mamme non dicono è che dietro ad un neonato nutrito, lindo, vestito di tutti punto c’è una mamma che non riesce ad essere altro che un’estensione del proprio bimbo senza quasi più tempo per se stessa. Ma quando riesci a ritagliarti quei quindici minuti per farti una maschera per il viso, la manicure o, semplicemente truccarti ti senti come di aver conquistato la luna.

Quello che le mamme non dicono è che stare tutto il giorno a casa ad occuparsi del bebè è più stressante di andare a lavoro. Ma è un bellissimo lavoro!

Gioie e dolori di una mamma bis

Quello che le mamme non dicono è che amare, come si ama, il proprio figlio è qualcosa di talmente totalizzante da farti sembrare fuori dal mondo. Vivi in una bolla in cui dentro ci siete solo tu e lui. Una bolla fatta di odori, sguardi, coccole e silenzi che valgono più di mille parole.

Quello che le mamme non dicono è la fatica ed il dolore dell’allattamento al seno. Le lunghe poppate nel cuore della notte, gli ingorghi mammari, l’infiammazione ai capezzoli. Ma vuoi mettere la bellezza dei suoi occhi che ti guardano innamorati mentre dal tuo seno sgorga nutrimento e amore?

Quello che le mamme non dicono è quanto sia difficile averne due di bambini e non riuscire a dedicare tutto il tempo possibile al più grande dei due perchè c’è il piccolo che ha bisogno di te ventiquattro ore su ventiquattro. Ma quando, la sera, ti ritrovi nel letto con lei a destra e lui a sinistra, che ti guardano innamorati, tutti i sensi di colpa svaniscono e ti godi il loro sonno felice e sereno mentre respiri il loro odore che è il ricostituente più forte al mondo.

Quello che le mamme non dicono è che i continui rigurgiti del tuo pargolo, nei primi mesi di vita, ti faranno puzzare come e più di un casaro alle prese con la filatura di una provola. Ma vuoi mettere l’odore di buono che fanno i neonati? Altro che Chanel nr 5!!!

confessioni-di-una-mamma

La mia dolce Costanza

La mia vita “in quattro”

Quello che invece io vi dico è di non sentirvi colpevoli se vi sentite inadeguate, imperfette, mamme disordinate. Non sentitevi colpevoli se uscite senza trucco se non riuscite a mettere assieme il pranzo con la cena per la troppa stanchezza. Se la vostra casa non è perfetta come quella delle riviste, se vi sentite sole e tristi quando tutto il mondo vi vorrebbe come le mamme della kinder. Fate un respiro, fottetevene degli altri, di chi vi giudica, scegliete qualcuno a cui parlare dei vostri sentimenti altalenanti e godetevi i vostri figli.

Godeteveli così come potete e volete perchè il tempo passa in fretta e i piccoli/grandi progressi che fanno ogni giorno sono i ricordi più belli che avrete nella vostra vita. Ci sarà tempo per avere una casa perfetta ed un aspetto perfetto!

Io sono diventata mamma bis da un mese e mezzo. Dopo Federico, che adesso ha 3 anni e mezzo, è nata Costanza. Non ricordavo più la fatica di avere a che fare con un neonato! Non immaginavo la fatica di avere a che fare con un neonato e riuscire a ritagliare il tempo per il mio piccolo principe che, ovviamente, sta un pò subendo l’arrivo della sorellina in famiglia e dei capricci fatti per attirare l’attenzione.

Ma nei momenti di maggiore sconforto mi fermo e penso che nella mia vita non ho fatto cosa più bella e grande del mettere al mondo i miei due bambini e che prima di loro avevo solo una vaga idea di cosa significasse la parola “amore”.

La fatica man mano diminuirà, le notti in bianco spariranno, i capricci lasceranno il posto ai sorrisi, la confusione sarà di pari passo all’allegria ed il tuo cuore sarà infinitamente colmo di quell’amore indissolubile che ti legherà per sempre ai tuoi figli.

confessioni-di-una-mamma-bis

Il mio piccolo Federico

 

Simona

No Comments

Leave a Reply