OVS progetti

Bullis-no, la campagna OVS per sensibilizzare adulti e ragazzi

2 gennaio 2017
bullis-no la campagna ovs contro il bullismo

Ho sempre pensato che chi “Bulla” perde e che chi cerca di farti sentire piccolo così, sia in realtà il più fragile. Da quando poi lavoro a scuola, spesso assisto a piccoli fenomeni di bullismo e cattiveria: a partire dal nascondere zaino e portacolori, per finire con insulti ed offese in classe o sui social, dove in genere il bulletto si fa forte nascondendosi dietro ad un pc ed una tastiera.
Per questo ho aderito alla campagna OVS – chi bulla perde. Per dire NO al bullismo, per sensibilizzare bambini, genitori, professori e chiunque abbia mai avuto a che fare con il bulletto di turno.

io dico no al bullismo e aderisco alla campagna di ovs per sensibilizzare

Parlare del bullismo e del cyberbullismo è sicuramente il primo passo per cercare di contrastare questo fenomeno ormai sempre più diffuso.
In particolare, “Bullis-no – Chi bulla perde” intende fornire a docenti e genitori gli strumenti utili ad affrontare il complesso compito educativo e a contrastare e gestire gli effetti di bullismo e cyberbullismo, coinvolgendo anche i ragazzi.
“Bullis-no” si sviluppa in tre diversi momenti:
un decalogo disponibile su ovs.it e consegnato negli store OVS ai genitori con l’intento di fornire loro uno strumento utile per affrontare le situazioni di difficoltà. Sul sito , il nuovo spazio OVS&KIDS conterrà consigli, spunti, idee per genitori e bimbi.
Una formazione a distanza – destinata agli insegnanti – realizzata da FARE X BENE ONLUS con esperti professionisti, quali psicologi, insegnanti, magistrati, avvocati e polizia postale. E infine
un contest creativo che coinvolgerà attivamente i ragazzi. Il contest – online dal 13 ottobre 2016 al 31 gennaio 2017 – prevede la partecipazione di giovani di età compresa tra 9 e 16 anni, che potranno lavorare con genitori e insegnanti alla creazione di un video che tratti il tema del rispetto dei pari e della lotta a bullismo e cyberbullismo, esprimendosi attraverso qualunque forma artistica (recitazione, canto, ballo, ecc).

Chi può partecipare all’iniziativa

Possono prendere parte al contest intere classi oppure gruppi composti da almeno tre persone, purché compaia all’interno del video il gesto “social” contro il bullismo. I video raccolti, della durata massima di due minuti, saranno analizzati e premiati da una giuria definita da OVS e FARE X BENE. In palio l’opportunità di partecipare alla realizzazione della campagna di sensibilizzazione online della Onlus.

Buzzoole

No Comments

Leave a Reply